Viterbo – Viaggio nel Medioevo

La città di Viterbo conserva all’interno delle sue mura un patrimonio storico medioevale a dir poco spettacolare; su tutti ovviamente il quartiere medievale di San Pellegrino definito come il più grande in Europa; questo credo già basti per far innamorare il turista di questo importante centro laziale. 

Viterbo – San Pellegrino

Viterbo è capoluogo dell’omonima provincia e conta circa 64.500 abitanti detti viterbesi. Il centro abitato sorge a 386 metri sul livello del mare, sulle prime pendici settentrionali del Monte Palanzana, gruppo dei Monti Cimini. La città è storicamente famosa per essere stata per un breve periodo nella storia sede pontificia e un’ importante zona termale.

Venire a Viterbo è ideale per trascorre un piacevole weekend o sceglierlo come punto di partenza per visitare le infinite bellezze della sua provincia come ad esempio: Vitorchiano, Civita di Bagnoregio, Tuscania, il Lago di Bolsena o il Parco dei Mostri a Bomarzo.

Come già detto in precedenza, la città,  conserva molto bene i suoi resti storici come le numerose chiese, i suoi palazzi papali, la cinta muraria che abbraccia la città e le numerose piazze. Inoltre, passeggiando per le vie medioevali di Viterbo, alzando lo sguardo verso il cielo, è possibile ammirare numerose torri che ancora oggi sembrano volerla proteggere.

Andiamo ora a scoprire nel dettaglio quali sono i più importanti luoghi d’interesse della città:

Le chiese
Fra le architetture religiose, spicca su tutte il Duomo di San Lorenzo, eretto in stile romanico nel XII secolo d.C. ma la facciata risale soltanto al 1570 mentre il suo campanile è trecentesco. All’interno il duomo è articolato in tre navate separate da due file di colonne.
Tra le altre chiese possiamo ammirare la chiesa di Santa Maria Nuova risalente al 1080, è fra le chiese più antiche della città e venne edificata sui resti di un tempio dedicato a Giove Cimino. Poi c’è la chiesa di San Silvestro, dove nel 1271 venne assassinato il principe inglese Enrico di Cornovaglia. Meritano una visita anche altre chiese della città come: la Basilica di San Francesco alla Rocca, la Chiesa di Santa Rosa, la Chiesa di Sant’Egidio, la Chiesa di Santa Maria del Suffragio, Chiesa di Santa Maria della Verità e la Chiesa della Santissima Trinità.
Fuori la città troviamo altre due bellissime chiese: nella frazione di Bagnaia troviamo la Basilica della Madonna della Quercia, uno dei migliori esempi rinascimentali in Italia mentre nella frazione di San Martino al Cimino troviamo l’omonima e bellissima Abbazia con un’architettura gotica – cistercense.

Duomo di Viterbo

Duomo di Viterbo

Architetture civili e militari
Fra le architetture civili e militari spicca su tutti il bellissimo e famoso Palazzo Papale che ospitò per alcuni decenni la sede pontificia. Fu papa Alesandro IV nel 1257 a voler spostare la Curia nella città viterbese, visto il clima ostile che si era creato a Roma. Altro monumento è la cinta muraria che ancora oggi protegge la città con le sue numerose porte, le più famose sono Porta Fiorentina e Porta Romana. Accanto a Porta Fiorentina si erge la bellissima Rocca Albornoz, altro resto importante medievale della città come le già citate torri. Non potete lasciare Viterbo, senza farvi una passeggiata fra le strette e bellissime stradine del quartiere medioevale di San Pellegrino, li il tempo sembra essersi fermato nell’età di mezzo, semplicemente spettacolare. Sicuramente si tratta di uno dei migliori esempi ancora rimasti di quartiere medioevale nel mondo.

Nella frazione di Bagnaia merita una visita le bellissima Villa Lante, famosa per il suo giardino all’italiana attribuito al Vignola.

Le piazze
La più famosa è sicuramente Piazza San Lorenzo, dove c’è il duomo e il Palazzo Papale, un’altra molto importante è la piazza del Plebiscito, chiamata anche “Piazza del Comune” dove hanno sede il Municipio e la Prefettura. Le altre bellissime piazza della città sono: Piazza della Rocca, Piazza Fontana Grande, Piazza delle Erbe e Piazza della Morte.

Siti archeologici
Assolutamente da vedere sono le gallerie sotterranee scavate nel sottosuolo di tufo, mettono in comunicazione gran parte degli edifici importanti del centro, creando un interessante rete di cunicoli e camminamenti.
Fuori dal centro abitato di Viterbo troviamo due importanti siti archeologici: la Necropoli di Castel d’Asso, fu la prima ad essere scoperta e si suppone che fosse anche la più vasta e il sito del teatro romano di Ferento, dove ancora oggi si svolgono spettacoli teatrali e musicali.

Curiosità
Il 3 Settembre di ogni anno a Viterbo si svolge una spettacolare manifestazione in onore di Santa Rosa, la patrona di Viterbo. Tra le vie della città viene portata a spalla da cento uomini detti “Facchini” la Macchina di Santa Rosa, una struttura illuminata, alta 30 metri e dal peso di 52 quintali. Nel 2013 la Macchina è stata inserita dall’UNESCO tra i Patrimoni immateriali dell’Umanità.

Viterbo è una città ricca di storia e di monumenti, un capoluogo che merita assolutamente di essere visitato!

Scorci di Viterbo

Annunci

6 pensieri su “Viterbo – Viaggio nel Medioevo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...